Guida all’Open Access

L’Open Access si fonda su tre principî:

  • la conoscenza è un bene comune e come tale ne va garantita la massima diffusione
  • la comunicazione scientifica si amplia creando una rete paritaria più estesa e maggiormente fruibile
  • i risultati delle ricerche finanziate con fondi pubblici devono essere pubblicamente disponibili

L’Open Access, dunque, assicura l’accesso libero e immediato ai risultati e ai dati della ricerca di enti istituzionali e, grazie a questa politica, le idee hanno una circolazione più diffusa e tempestiva. La maggiore visibilità permette un potenziale maggior impatto citazionale e maggiore riconoscimento della qualità scientifica.

L’Open Access prevede due modalità:

Via verde (green road)

Gli autori, dopo aver pubblicato i loro scritti nelle sedi editoriali tipiche, archiviano le versioni finali dei loro lavori autonomamente (Self-archiving) o in Archivi Aperti istituzionali o nei loro siti personali, concordando con gli editori le politiche di copyright. La via verde consente e di ottenere maggiore visibilità e riconoscimento, senza rinunciare alla pubblicazione tradizionale.

Via d’oro (gold road)

Gli autori pubblicano gli articoli e i volumi direttamente su riviste e libri Open Access (vedi elenco su DOAJ – Directory of Open Access Journals e DOAB – Directory of Open Access Books). Le riviste sono peer reviewed e sono liberamente accessibili; le monografie richiedono spese di edizione.

Le tappe fondamentali dell’Open Access:

Nel nostro Ateneo aderiscono a questa politica l’Archivio Istituzionale aperto per le tesi di dottorato ArcAdiA e le edizioni digitali di Roma Tre-press.

Luigi Torresi 07 Agosto 2020